Bronzetto – Andrea Sanna

The bronzetto, resting on the mantlepiece of the country house, looked like a sacred object. Antòni had found it near the Giants’ tomb, underneath the moss , as he was used to tear the moss away and  press it on his nose to smell its unmistakable scent of earth and incense. The little statue represented a woman with her son on her lap. Had it been a warrior, a slinger, an archer, a small boat everything would have been easier. Days went by, every night when Antòni got home he looked at it and for a moment he was taken by an arcane fear. Passing in front of a Nuraghe or a Giants’ tomb  he wondered who were the mysterious people who created such beautiful works. On a stormy night, while the countryside was illuminated by the lightening gleams, he was woken by a loud thunder. The bronzetto illuminated by the gleam reminded him of the dream he had just made: he found himself onboard a small vessel  in a stormy sea. Slim men with bull protomes on their heads were busy adjusting the sails. In the bow of the small ship there was also a protome made of wood and bronze. The men had a hilt dagger hanging from their necks, their chief was wearing a thick black woolen mantle, Antòni was wearing his mastrukka[1]. His chief ordered him to open the chest which was at the stern and take a bronzetto out of it. He was ordered to take the small bronze ship and, with his hands stretched upwards, he threw it into the sea. The sea calmed down, the storm went away bellowing, the men were safe but exhausted. Antòni spoke the nuraghi language which had all the words ending by –gon, -ur or- ke. Also the others spoke the same language but in a harsher, more guttural way. The small ship was loaded with obsidian and copper and calmly proceeded at sea along the coastline of a lush green island. Thus Antòni woke up from the dream because of the storm: the dream, the small bronze statue, the nuraghi people, a lot of questions with no answers. A German man passed by. He asked Antòni some information about the exact position of some nuraghi. Antòni prepared a pot of boiled puff pastry bread while the foreigner was on his excursion. When he came back they ate and drank Gonorva muristellu rubiu[2]. The man said he was a nuraghi archeology scholar and by then he had been studying the ancient Nur civilization for decades. At this point Antòni’s eyes lit up. The scholar stated that The Nuraghi people originally came from the land of Ur and that they were Chaldean, they knew the use of writing, they were sailors, their language was ancient Sumerian which changed after they settled down and lived in Nur. Antòni quivered for the small bronze statue. It was as if during these last months a strange relationship of empathy had grown between him and the object and had acquired features belonging to what is sacred. The scholar talked about his long journeys in search of  the Mediterranean Mother: Cyprus,  Syria, Turkey, Mesopotamia, but no place was more charming and mysterious than Nur. The scholar spoke of the Nuraghi people religion. Nuraghi towers represented the perfection of the circle enclosing, like in a Sardinian dance, the masculine and the feminine. At sunset Antòni leaned with his chin on his open hands in front of the sun staring at it. Who was that bronze mother with her son on her lap? Maybe she was the mediterranean mater? A goddess mother with her own son? He thought again about the dream he had, about the words of the scholar: “ The nuraghi people were the inhabitants of the land of Nur”. Didn’t the words of that tight, fast language end exactly by  – ur? What if they were really Chaldean?  One more dream: men of different races built a tower as high as the sky. He was also there, with the men wearing bull protomes. At a certain point everyone spoke a different language and the tower was not completed. The peoples got dispersed according to their language. In Ur of Chaldea houses were built with bricks made of mud and straw, and astronomy was practiced. An astronomer foresaw the birth of a powerful king called God Saves, Prince of Peace. From Ur we moved farther to the south-west: our father was Abraham. We professed the religion of the unity of the sun and the circle, the one almighty god creator of the Universe. We left Syria and Palestine and, on our small ships, we crossed the Mediterranean. We reached Nur sailing for the first time past the pillars of Heracles and back to our mother land for several times, at regular intervals. We were involved in the war of the peoples of the sea, against Egypt, kingdom of the powerful Pharaoh  Ramses II. Antòni woke up at dawn and soon he thought about his strange dream, the long journey, the prophecy of the Sumerian astronomers. What could they mean?  But of course, not only were we children of the Tigris and Euphrates, we were also Christ’s great-uncles. Now the Mystery of the bronzetto lit up by the dawn’s light was revealed. The Nuraghi people were the bearers of a prophecy which affected the centuries, that was the reason why they had forged a bronze statue symbolizing a sitting woman with her son on her lap. Now in Antòni’s eyes the enigma was solved: the woman depicted  the inviolate virgin who would give birth to the powerful king who was going to rule all the nations with iron scepter. The Bronzetto narrated Antòni the secret of a distant prophecy: the coming of the king Messiah.

English translation by  Prof. Francesco Peddes.   –    Supervision by Prof. Grazia Faedda


[1] Mastruca= Sleveless shipskin garment.

[2] Typical Sardinian red wine whose origins date back to the nuraghi period.

Mamuti – Giannetto Cossu

Funtana ona[1] was a shelter of shade and fresh water placed along the dry pathways of the valley. A holm, two oaks and three stones under a vault of leaves. Carved in the black rock, the fountain was perched in the middle of a hard clay meadow, split by a groove which diverted the water to the road. Two springs: the lower one, for the livestock, and the top one, at hips’ height, as clear and crystalline as the mirror of the soul. The spring vein came out reboiling from a wound in the rock, just below the water level. The fountain looked like something alive, and the thirsty could feel the whole of that something , which embraced them up when they approached it to drink. Drinking itself was a divine magic, and the eye, by seeing in the water the known face, went deeper, under the limpid dark, until it uncovered the last treasures of the heart. Funtana ‘ona: the rest of the ones who knew no rest, the water of oblivion for the labour of all time. In the stone at the foot of the big holm tiu Portolu’s thoughts, meditated on the tip of his lips, interwoven inside the threads of his white beard. His face, scorched by a thousand suns, was Bachiseddu’s book of why, the boy got lost in the concave folds of a thousand questions. Polished shining di fresi, tiu Portolu looked like he was a whole with the rock of the fountain. His stick standing straight between his feet supported both his hands which were resting one on the other hidden behind his beard. His legs flayed, his elbows touching his knees, in a way of sitting which was rest and expectation, he seemed to move like a wild olive tree rod, that suddenly stretches. In order not to bother the man, Bachiseddu sat on the ground, opposite him, his legs crossed, heel on heel. His knees boxed in the folded arms, his hands clasped and his head leaned on one side, his eyes rapt by the man and the Fountain. Tiu Portolu was everything to Bachiseddu, young shepherd boy, orphan of father and mother, with only ten sheep, two goats and a little dog. Ready and clear, from those wise lips, the old man’s answers gave savour to each why, and Bachiseddu liked that those words were uttered by tiu Portolu, meditated and chosen especially for him, one by one. “And what are these few moments for? I’d like to stay with him all day. This evening I’ll be back at Funtana ‘Ona”. The stone under the big holm, however, was empty when evening came. The reboiling sound of the fountain seemed to be imitating tiu Portolu’s rumbling . The sun was setting and, before going down, it played with the clouds lighting them up in red and yellow colours. The birds greeted the fountain farewell with their last round flights of the day. Bachiseddu laughed on his own, playing with the water of the top spring and immersing his whole head in that limpid, fresh pleasure. Suddenly his smile turned to wonder. Procumbent and open-mouthed, his arms folded on his back, his body protruding forwad, the boy was following with his eyes wide open what he was seeing. From the bottom of the fountain water –from beneath the green wool of the pool- a lot of lunittedas de prata* had risen. These swam after one another trying to catch each other, growing in number and size, they had started to form a whirlpool which spun more and more impetuously, moving up to the water surface; turning around faster and faster in a vortex, they had created a hole and – splashing up some water- they jumped out of it and flew in the air. Then the hum became sound and what seemed to be wind calmed down, turning into a band of flesh which- surrounding the boy- had wrapped him in, stunning and lifting him in flight. Later the sound had turned to music and the band of flesh became a woman. She was big, fat and tender, dressed in flowers and smiles, she had good-hearted eyes and gave the soft caresses of a mum. Everything was music, light and flowers in this nothing which kept him in anxiety. Bachiseddu was happily rocking in the summer’s arms of pleasure, his eyes closed to fully enjoy all that peace he’d never known. The fairy, kissing him an ear, secretly told him: “ I am sa mama ‘e sa funtana*, the Mother of this and all the waters, the Mother of everything which is born and grows, the Mother of life and happiness. Would you like to stay with me?” Bachiseddu, outstretching in midair, had unbound his words, and was pleased to tell her: “ All my being has given you an answer on my behalf, because my lips can’t give a voice to everything I feel, they can’t give light to this divine peace!” “I know, I know, Bachisè, but I gave this peace to everybody and nobody welcomed it. “ “Didn’t they? Why?”- Suddenly Bachiseddu stood up. How can one ever throw away life, health, joy? Insane? they have to be really crazy, with no discernment”.  And sa mama ‘e sa funtana, very sadly: “ Crazy, Bachisè, really crazy. I gave them Mamuti’s keys and they closed the doors on me!”, “ They? Who are they? And Mamuti? What is it? Where is Mamuti?”.  And the fairy, with her eyes turned to the ground: “’They’ are the men. All the ones you know and all the others, children of a hundred mothers, of every time and every place. All of them!”. Her voice was surrounded by sadness, but her lips had opened in a warm, little smile preluding the other ‘why’. “And Mamuti?” Bachiseddu had asked desperately. “ Mamuti is the world of fairies, it’s a world of brothers and sisters where everything is everybody’s. Those from Mamuti are born and grow up in their full being. There, the man and the woman are equal, and so are the grown up and the young, the healthy and the sick, the black and the white. Everybody works for everbody’s good, as nobody accumulates anything and nobody asks for anything. Here there is no pecunia nor banks, no rich nor poor, no priests or soldiers, no borders nor prisons, no rulers nor servants. In Mamuti there are no false peaces nor wars, as there are here. This, Bachisè, is the world that everybody sees in their dreams; it’s the world everybody wishes, it’s that everything and that nothing which seemingly can’t get to come true. Take! These are the keys! Do you want them?”. And without waiting for an answer the fairy faded in the air, in a cloud of thoughts and problems to be solved. Bachiseddu found himself again on the meadow of Funtana ‘Ona alone, sitting on the ground opposite the stone under the big Holm. So many whys, so many thoughts in a brain worth nothing. Head down, weighing the fairy’s keys, he was trying to put an order to that hornet of thoughts. “What shall I do now? And where is this Mamuti? What would I do there if nobody wanted to go? A world of siblings, with no war nor money! A key to change life! Who knows how many people would like to have it but they don’t? Who knows what tiu Portolu would say? Who knows if also tiu Portolu has seen sa mama ‘e sa funtana? He who is always here sitting on the stone of the big Holm? Who knows if he has the keys to Mamuti, too. I would like to go there together with him!”. And, taken from these thoughts he didn’t realize that tiu Portolu- sitting on the stone under the big Holm- was holding out his hand to him. Take my hand, Bachisè, we are going together to Mamuti! I have been waiting for you for eighty years, sitting on this stone. I could not reveal you anything because the choice was up to you. Oh, if only young people knew! And now you know! It took me eighty years, chewing because they too big.Oh, if the elder could! Today I could! Sa mama ‘e sa Funtana sent me to you: you, still green and innocent, are my key to Mamuti”. “And you are mine!”- quick went Bachiseddu, holding hand in hand tiu Portolu’s happiness. “Mamuti is here, Bachisè! The entrance is in the top spring, beneath the green wool of the pool.

English translation by Prof. Francesco Peddes.      –   Supervision by Prof. Grazia Faedda              


[1] Good fountain, spring * Water-fleas.. Daphinia Pulex.  *The Mother of the Sacred Spring = Dea Mater.

Pubblicato da Alcionio

noli foras ire in te ipsum redi in interiore homine abitat veritas.

5 pensieri riguardo “Bronzetto – Andrea Sanna

    1. “Vi rivelo un segreto. Ecco il tempo in cui lo Sposo coronerà la Sposa. Ma dove è la corona? Verso il Nord. E donde viene lo Sposo? Dal Centro, dove il calore genera la luce e si porta verso il Nord, ove la luce diviene splendente. Ora, che fanno quelli del mezzogiorno? Si sono addormentati nel calore; ma essi si ridesteranno nella tempesta e, fra essi, molti saranno spaventati sino alla morte”. J. Boehme, Aurora, II, XI, 43
      Per una Filosofia dei Nuraghi
      L’esperienza del nùminoso secondo le categorie del Sacro nella Filosofia della Religione e nella filosofia tedesca contemporanea come ad esempio in Rudolph Otto, è un’esperienza che riguarda il sublime e quindi l’Arte, la Religione e la Filosofia . E’ appropriato parlare di Filosofia Nuragica e di Religione? Meglio di quanto possa fare io lascio parlare in limba al fine di trovare quello che Martin Heidegger avrebbe chiamato i sentieri o le tracce di legno e di pietre che apparentemente si interrompono nel fitto del Bosco.
      IL BRONZETTO

      Il bronzetto poggiato sul caminetto della casa di campagna sembrava una cosa sacra. Antòni l´aveva trovato presso la tomba di giganti, sotto il muschio per la sua abitudine di strappare il muschio ancora fresco e, di portarselo al naso, per odorarne profondamente quel profumo inconfondibile di terra e incenso. IL bronzetto, riproduceva una donna seduta che portava sul grembo il proprio figlio. Con un guerriero, un fromboliere, un arciere, o una navicella tutto sarebbe stato più facile. Passarono giorni, Antòni ogni notte quando rincasava, lo guardava per un attimo preso da una arcana paura. Passando davanti a un nuraghe od alla tomba di giganti si chiedeva chi fosse mai il popolo misterioso autore di opere così belle. Una notte di tempesta, mentre la campagna era illuminata dai bagliori dei lampi, un forte tuono lo svegliò. IL bronzetto illuminato dal bagliore gli ricordò il sogno che aveva fatto poco prima: si trovava su una navicella ed il mare era in tempesta. Uomini magri con protomi taurine sul capo erano indaffarati a regolare le vele. La navicella portava anch’essa a prua, una protome di legno e bronzo. Gli uomini avevano un pugnale ad elsa intorno al collo, il capo indossava un grosso mantello di lana nera, Antòni vestiva sa mastrukka. IL capo gli intimò di aprire la cassa che stava sulla poppa e di prendere da essa un bronzetto. Gli fu ordinato che prendesse la navicella e questi con le mani rivolte in alto la gettò in mare. IL mare si calmò, la tempesta andò via mugghiando, gli uomini erano salvi ma esausti. Antòni parlava il nuragico dove tutte le parole finivano per gon ur- o per ke. Anche gli altri parlavano la stessa sua lingua ma più gutturale e dura. La navicella era carica di ossidiana e rame e procedeva tranquilla in mezzo al mare fiancheggiando la costa di un’isola verdissima e lussureggiante. Così Antòni si svegliò dal sogno a causa del temporale: Il sogno, il bronzetto, i nuragici, tante domande senza risposta. Passò di lì un tedesco e chiese ad Antòni alcune informazioni circa la posizione esatta di alcuni nuraghi. Antòni preparò su labiolu pro faghere su pane ‘uddidu cun su zichi mentre l’uomo era in escursione. Al suo ritorno mangiarono e bevettero muristellu ruju di Gonolva. L’uomo disse di essere uno studioso di archeologia nuragica e che ormai erano decenni che studiava l’antica civiltà di Nur. A questo punto si illuminarono gli occhi di Antòni. Lo studioso affermò che i nuragici provenivano originariamente dalla terra di Ur e che erano Caldei, conoscevano la scrittura, che erano navigatori, che la loro lingua era il sumero antico trasformatosi poi nel loro soggiorno a Nur. Antòni fremeva per il bronzetto. Era come se in questi mesi uno strano rapporto di empatìa si fosse instaurato tra lui e l’oggetto fino a rivestire i caratteri del sacro.Lo studioso parlò dei suoi lunghi viaggi alla ricerca della Madre mediterranea, Cipro, Siria, Turchia e Mesopotamia, ma niente più di Nur era affascinante e misterioso. Lo studioso parlò della religione nuragica. I nuraghi rappresentavano la perfezione del cerchio racchiudenti come in una danza sarda il mascolino ed il femminino. Al tramonto Antòni si reggeva il mento tra le due mani aperte fisso di fronte al sole. Chi era quella madre di bronzo con il proprio figlio sul grembo? Era forse la mater mediterranea? Una dea madre con il proprio figlio? Ripensò al sogno fatto, alle parole dello studioso: “I nuragici erano abitatori della terra di Ur”. Ma non finivano proprio in ur le parole di quel linguaggio stretto e veloce? E se fossero veramente Caldei? Un altro sogno: Uomini di diverse razze costruivano una torre alta fino al cielo. Questi uomini parlavano la stessa lingua. C’era anche lui con i suoi compagni dalle protomi taurine. Ad un certo punto ognuno parlò una lingua diversa e la torre non venne ultimata. I popoli si dispersero ognuno secondo la propria lingua. Ad Ur di Caldea si costruivano case di mattoni di paglia e fango e si praticava l’astronomia. Un astronomo predisse la nascita di un potente Re chiamato Dio salva, Principe della pace. Da Ur ci spostammo più a Occidente e a Meridione: nostro padre fu Abramo. Professavamo la religione dell’unità del cerchio e del sole, il Dio Unico onnipotente creatore dell’universo. Lasciammo la Siria e la Palestina e con le nostre navicelle attraversammo il Mediterraneo. Raggiungemmo Nur oltrepassando per la prima volta le colonne di Herakles a più riprese ed a più riprese ritornammo periodicamente nella madre patria. Fummo coinvolti nella guerra dei Popoli del mare, contro l’Egitto del potente faraone Ramses II. Antóni si svegliò all’alba e subito pensò allo strano sogno, il lungo viaggio, la profezia degli astronomi sumèri che cosa potevano significare? Ma certo, non solo eravamo figli di Tigri ed Eufrate ma anche prozii di Cristo. Ora si rivelava illuminato dalla luce dell’alba il mistero del bronzetto. I nuragici erano i portatori di una profezia che investiva i secoli, per questo avevano fuso un bronzetto simboleggiante una donna seduta che porta sul grembo il proprio figlio. Ora agli occhi di Antòni si scioglieva l’enigma: la donna raffigura la vergine inviolata che darà alla luce il potente Re che governerà tutte le nazioni con scettro di ferro. IL bronzetto narrava ad Antòni il segreto di una lontana profezia: la venuta del Re Messia.

      SU BRUNZETE
      Su brunzete subra ‘e sa tziminea de sa domo ‘e campagna pariat cosa sacra. Antòni l´aiat agattadu in d’ unu cuzòne de muru, inìe, acurzu a sa tumba de zigantes, sutta e-i su calighe ‘e muru e-i sa lana ‘e crastu chi fiat solitu iscorzare dae sa rocca pro si l’ ‘attire a sas naris e pro intendere in sas intragnas de su coro cussu profumu raru mai ismentigadu de terra e timanza. Su brunzete, teniat sa frigura de una femina sètzida chi giughiat in sinu su fizu sou. Cun d’unu soldadu, unu frombolieri, un arzieri, o una naighedda tottu tiat esser bistadu pius fazile. Colende sas dies, Antòni onzi notte canno recuìat, lu abbaidaìat che lumèra lendelu a tràghidas pessighìdu da-e una timòria antiga. Passende adananti ‘e su nuraghe accurzu a sa losa ‘e sos zigantes si preguntaìat pienu de ispantu chie tiat esser bistada mai sa zenìa misteriosa artefize de oberas gai bellas. Una notte de tempesta, canno sa campagna fiat allupiada da-e sa lughe de sos lampos, unu tronu a isprammu lu ischidesit. Su brunzete illuminadu da-e sos lampos l’ aìat ammentadu unu sonnu chi aiat fattu pagu tempus prima: s’agattesit in d’una naitta e-i su mare fiat in tempesta. Òmines lanzos cun corros de trau in sa conca fiant intregàdos abbentende sas elas. Sa nae giughìat issa puru adananti, una conca de trau de linna e brunzu. Sos omines giughìan una resorza a rughe de gamma greca inghiriàda in su tuscju, su Re mere ‘estiat una cappa niedda de lana russa ‘e fresi, Antòni giughìat sa mastrukka de pedde d ‘erveghe e de craba.
      Su re jamèsit Antòni pro aberrere sa càscia chi s’agattaìat adasègus de sa nae pro affiaccàre unu brunzete. Su re li oldinèsit de l’apporrere sa naitta e adapoi, su Mere, cun su brunzete e cun sos brebos sacros in bucca cun sas manos arziadas in altu, che la ‘ettèsit in su mare. Su mare fiat abboniadu, sa temporada e s’Astrau si ch’annèsit muliende, sos òmines fiant salvos ma istraccos e cunsumìdos. Antòni faeddaiat su nuragiku, in ùe tottu sas peraulas finiant in gon, ai,ui, ur ,ur, ri, or, ri, ghe oi o in ke. Sos atteros puru faeddaìana sa matessi limba ma pius istrinta, gùtture e tosta. Sa naitta fiat garriga de pedra de ‘idru, ’idrosa e ramine e avansaìat pasada, in mesu ‘e su mare akostasa-akostasa a un’insula irde ermosa e bunnante. Goi Antòni pro sos tronos e-i sa tempesta si ischidèsit da-e su sonnu : su sonnu, su brunzete, sos nuragikos, medas preguntas chena peruna resposta. Passenne igùe unu tedescu, custu preguntesit ite pretzisa positzione aìant appidu cussos paritzos nuraghes in sa punta ‘e Cantaru Addes. Antòni ammanitzèsit su labiolu pro faghere su pane ‘uddidu cun su zichi cando s’iscientziadu fiat in esploratzione. Torradu su tedescu manighèsint umpare e buffèsin muristellu rusju de Gonorva. S’omine nesit de essere unu iscientziadu de archeologia nuragica e chi fiat vint’annos istudiende s’antiga tziviltade de Nur.
      In cussu istante Antòni cun sos ojos lùghidos cuminzaìada a cumprendere su misteriu antigu ki da-e meda lu fiat oriolenne. S’iscienziadu nesit chi sos nuragicos beniant primariamente da-e sa terra de Ur e chi fiant Sumeros, connoschìan s’iscrittura, fiant navigantes e-i sa limba insoro fiat s’antigu Sumèru innestadu a su Sardu antigu in sa permanentzia a Nur. Antòni si fiat triminne tottu pro su brunzete, fiat comente chi in custos meses una fortza de masja intraiàt e bessìat da-e su brunzete, e, da-e custu prenetaìat in sas intragnas de Antòni; comente unu cristianu giughìat un’anima e-in calchi modu fiat guasi comente a tenner s’ammuntadora e-i s’anima si ch’annaiat attesu fintzas intr’ ‘e su brunzu chi faeddaiat comente unu frade, fiat una esperientzia numinòsa, Sacra.
      S’archeologo faedende de sos biàzos longos a Cipru, in sa Siria, in sa Turchìa e in sa Mesopotamia pro chircare sa Dea Mater Mediterranea nesit chi nudda piùs de Nur l’aiat ammaliadu misteriosamente. S’iscientziadu nesit de sa religione nuragika. Sos nuraghes sunt sa frigura de sa fromma de sa perfetzione, da-e issos naschint tottas sas friguras de su ballu tundu, de sa musika de su coju tra su masciu e-i sa femina, de su Sole de sa Terra e de sa Luna. Interrìghinende Antòni si munteniat sa ‘ucca intr’ ‘e ambas manos abertas fissu ainnanti ‘e su sole. Chie fiat cussa mama de brunzu cun su fitzu in su sinu? Fiat forsis sa Mater Mediterranea? Una dea mama cun su fitzu sou? Pensaìat a su sonnu, a sas peraulas de s’iscientziadu: Sos nuragikos fiant abitantes de sa terra de Ur. Ma no finiant in ur sas peraulas de cussa limba istrinta e lestra? E si tian’ esser bistados de abberu Caldèos?
      Un ateru sonnu: Òmines de divescias razzas fiant fraighende una turre alta fintzas a chelu, custos omines faeddaian sa matessi limba. Bi fiat puru isse cun sos cumpanzos cun sos corros de trau in conca. A unu tzertu momentu onz’unu faeddèsit una limba divescia e-i sa turre restèsit gai, kena esser finida. Sos populos s’ispaltèsin onz’unu segundu sa matessi limba. In Ur de Caldèa si fraigaìant domos de mattones de alvinu e de paza e istudiaìant s’astronomia. Tres Res astròlugos aìan leggidu in su chelu s’avrèschida de un isteddu lughente unu Re potente giamadu Deus salvat, Prinzipe de sa Paghe. Da-e Ur nos movìmmo piùs a Otzidente e a Meridione: babbu nostru fiat Abramu.
      Sighìmis sa religione de s’unidàde de s’isfera, de su cerchiu, de su chilciu, de su sole, su Deus Unicu Onnipotente creadore de s’universu. Nos movìmmo lassende sa Sirja e sa Palestina e cun sas nostras naes attraessèsin su Mediterraneu. Arrivados a Nùr superende pro sa prima ‘olta sas colonnas de Ercule in pius bortas torraìmis a Nùr. Restèsint trobojàdos in sa gherra de sos Populos de su Mare, cuntra s’Egitto de su potente faraone Ramses II.
      Antóni s’ischidèsit a s’avrèschida pensenne a su sonnu fattu intr’ ‘e notte: su biazu mannu, sa profetzia de sos astròlugos sumèros ite cherìat narrer? Ma tzertu, no solu fimis fizos de-i su Tigri e de s’Eufrate ma fimis puru bisciajos de Xristu. Como a sa lughe de s’avrèschida si leaìat cumpresa de su misteriu de su brunzete. Sos nuragikos fiant cussos k’ haìan una missione ‘e ite lompere, issos ‘attiana una profetzia ki avansaìat sos seculos, pro kustu aian fusu unu brunzete ki mustraìat una femina setzida cun su fizu sou in coa. Komo a sos ojos de Antòni s’isorviat su misteriu: sa femina est sa frigura de sa birzine liza chi at a dare a sa lughe su Re potente pro dominare sas Natziones cun d’unu fuste e-i una corona de ferru. Su brunzete contaiat ad Antòni su segretu de una antiga profetzia: sa ben’ ‘ennida de su Re Messia.

      Sos chelos de Mamuthi – 1981 in Onorvesu de ®Giannetto Cossu
      Funtana ‘Ona fit unu nicciu ‘e umbra e abba frisca peri sos butturinos àrridos de S’Adde. Duos èlighes, unu chercu e tres pezzas, sutta una boveda ‘e foza. Piccada in sa pedra niedda, sa funtana fit sèzzida in mesu ‘e un’arzoledda ‘e cudina, partida in duos da-e una cora chi che franghiat s’abba a su caminu. Duos càntaros: su cantareddu de su bistiàmine e-i su càntaru mazore, altu finas a chintu, limpiu e nettu che-i s’ispiju ‘e s’anima. S’enu essiat a bullu da-e un’abberta de rocca, sutta su pizu ‘e s’abba. Sa funtana pariat ch’esseret bia, e-i su sididu si l’intendiat totu – cussu “ite” – chi l’inghiriarìat cando s’accurziaìat a buffare. Anzis, su buffar e tottu fit majìa e-i s’oju, mirende in s’abba sa fache connotta, calaìat pius a fundu, sutta s’iscuru lìmpiu, finas a istavaccare sos ultimos siddados de su coro. Funtana ‘Ona: su pasu ‘e chie no hat connotu pasu, s’abba ‘e s’ismentigu pro sa tribulia ‘e sempre. In sa pezza ‘e s’elighe mannu sezzian sos pensamentos de Tiu Portolu, remuzados a pizu ‘e lara e intramìttidos in sos littos de s’arva cana. Sa cara sua, cotta ‘e milli soles, fit su liberu ‘e sos puites de Bachiseddu, chi si perdiat peri sas pijas tuvuccas de milli preguntas. Lùghidu ‘e fresi, Tiu Portolu pariat tot’unu cun sa rocca de sa funtana. Su bacchiddu, tètteru in mesu ‘e pês, regia ambas manos, arrumbadas una subr’ ‘e s’atera e cuadas sutta s’’arva. Ancas iperriadas, cuidos e benujos a pare, in d’unu sezzer chi fit pasu e fit aisettu, pariat mujadu che fruedda ‘e ozastru, chi si tendet tot’in d’una. Pro non l’infadare, Bachiseddu si sezziat in terra, a ojos a isse, sas ancas pijadas, a carcanzos a pare, sos benujos incasciados in sa pijadura ‘e sos brazzos, sas manos tentas e-i sa conca a un’ala, sos ojos totu leados da-e su ‘ezzu ‘e sa funtana. Tiu Portolu fit tottu pro Bachiseddu, pastoreddu chena babbu e chena mama, solu tra sas deghe erveghes, duas crabas e unu catteddu. Prontas e giaras, da-i cussas laras sàbias, sas rispostas de su ‘ezzu daìan sabore a donzi puite e a Bachiseddu li piaghìat a crêr chi cussas peràulas Tiu Portolu las sesteret apposta pro isse, seberèndelas e medìndelas una pro una. “E a ite custas pagas iscuttas? Cun isse bi dia cherrer bistare tota die. Istasero che torro, a Funtana’Ona!” ma sa pezza ‘e s’elighe mannu fit boida a part’ ‘e sero. Su bulluzzu ‘e sa funtana pariat ch’istroccheret su murmuttu de Tiu Portolu. Fit interrighinende e-i su sole, innanti ‘e si ch’andare, si giogaiat cun sas nues, azzendìndelas de ruju e de grogu. Sos puzzones ammustraìan a sa funtana sos ultimos inghìrios. Bachiseddu ridiat a sa sola, gioghende in su cantaru mazore e ch’imberghìat tota sa conca in cussu gosu lìmpiu e friscu. Tott’in d’una su risittu si fit fattu meraviza. Prostadu e a bucc’abberta, sos brazzos tirados tot ‘addae, su dossu mujadu a innanti, su pizzinnu sighiat – a ojos maduros – su chi fit bidinde. Da-e fundu ‘e sa funtana – da-e sutta sa lana ‘irde ‘e su laccheddu – si fin pesadas tantas lunittedas de prata. Sighìndesi a tenea e creschinde ‘e numeru e mannaria, haian cominzadu a moliar in d’unu mulinette sempre pius fùrridu, finas a nde pigar a pizu ‘e abba; moliende sempre pius lestras haian fattu a toffu e – suppesèndende unu tantu ‘e abba – nde fin biradas, pesèndesi a muer in s’aera. Poi sa mùida si fit fatta sonu e-i su chi pariat bentu si fit pasadu, mudèndesi in ‘un’upa ‘e carre chi – inghirièndelu tot’in tundu – haiat fascadu su pizzinnu, lêndelu in pàmparas e pesendelu a bolare. Poi su sonu si fit fattu musica e s’upa ‘e carre una bella femina, manna, rassa e modde, bestida ‘e fiores e risittos, sos ojos bonos e-i sos carignos dulches de una mama. Totu fit mùsica, lughe e fiores in cussu nudda chi lu teniat in india. Bachiseddu si nannigaìat cuntentu in sos brazzos de su gosu, tanghende sos ojos pro l’assaborare tota, cussa paghe mai connota. Sa fada, basèndeli un’orija, li naraìat a s’iscuja: “Deo so Sa Mama ‘e sa Funtana, sa mama de-i custas e de tottu sas abbas, sa mama de totu su chi naschet e creschet, sa mama ‘e sa vida e de su gosu. A ti dia piagher a bistare cun megus? Bachiseddu istirèndesi in bolu, haiat isoltu sas peraulas, piaghindesi ‘e las narrere: “Pro me t’hat respostu tota sa persone, ca non poden bastare duas abbertas de lara a dare ‘oghe a totu su ch’intendo, a dare lughe a-i custa paghe soberana!” “Già l’isco, Bachisè! Ma deo l’hapo dada a tottu custa paghe e nisciunu mi l’hat chèrfida!” “ Non ti l’han cherfida? E puite?” . si pesat Bachiseddu, tot’in d’una. “ Ma comente si faghet a che fuliare sa vida, su saludu, su gosu? Iscasciados ! Toccat a esser maccos, chena seru!”. E –i Sa Mama ‘e sa Funtana, tot’annuzzada: “Maccos, Bachisè, propiu maccos! Deo li shapo dadu sas giaes de Mamuti e ‘issos’ m mi ch’han tangadu sas giannas in faccia!” “ ‘Issos’ ? E chie sun ‘issos’? E Mamuti? It’est e inu’est Mamuti?”. E –i sa fada a ojos a terra: “ ‘Issos’sun sos òmines. Totu sos chi connosches e totu sos àteros, fizos de chentu mamas, de onzi tempus e giassu. Totu !” Sa ‘oghe fit bordida ‘e tristura, ma sas laras si fin abertas a-i cuddu risittu ‘onu chi faglia de intrada a s’ateru puite. “E Mamuti?” – l’haiat perdidu disisperadu Bachiseddu. “Mamuti est su mundu ‘e sas fadas; est unu mundu ‘e frades inue totu est de totu. Sos de Mamuti naschen e si faghen mannos in totu su chi sunu. Inie s’òmine contat che-i sa femina, su mannu che-i su minore, su sanu che-i su malàidu, su nieddu che-i su biancu. Tribaglian totu pro su bene ‘e totu, ca nisciunu ammuntonat e nisciunu pedit. Inie non b’hat dinaris e né bancas, né riccos e né pòberos, né peidros e soldados, né lucana e presones, né chie cumandat e chie servit. Inie no b’hat paghes falsas e guerra, che inoghe! Custu , Bachisè, est su mundu chi totu s’ ‘iden in su sonnu; est su mundu chi cheren totu, est cussu nudda e-i cussu totu chi no benit bene a si fagher. Lea! Custas sun sas giaes! A las cheres?”E , sen aisettare risposta, si fit isfatta in s’aera in d’una nue ‘e preguntas de accansare. Bachiseddu si che fit agattadu, torra, in sa piattedda ‘e Funtana’Ona solu e sezzidu in terra, a ojos a sa pezza ‘e s’elighe mannu. Cantos puites, cantos oriolos in d’unu cherveddu ‘e nudda. A conc’a terra, suppesende sas giaes de sa fada, fir chirchend’ ‘e dar assentu a-i cussu muju ‘e pensamentos. “ E-i como ite fato? E inu’est custu Mamuti? Ma ite bi diat fagher deo, si mai nisciunu b’est chèrfidu andare? Unu mundu ‘e frades, chena guerra e ne dinari! Una giae pro mudare vida! Chissà cantos la dian cherrere e non l’hana? Chissà ite diat narrere Tiu Portolu? Chissà si l’hat bida isse puru Sa Mama ‘e sa Funtana? Isse ch’est sempr’inoghe, sèzzidu in sa pezza ‘e s’elighe mannu?! Chissà si las tenet isse puru sas giaes de Mamuti? Paris cun isse, già bi diat cherrere andare a Mamuti!”. E, leadu da-i custos pensamentos, non si fit abizzadu chi Tiu Portolu – sèzzidu in sa pezza ‘e s’elighe mannu – li fit dende sa manu. Dami sa manu, Bachisè, chi b’andamos paris a Mamuti! Ottant’annos t’appo aisettadu, sèzzidu in custa pezza. Deo no ti podìa narrer nudda, ca su seberu li divìas fagher tue. Eh, s’ischeren sos pizzinnos! E tue como ischis. Deo b’happo postu ottant’annos, mastulende puites troppu mannos. Eh, si poteren sos bezzos! Oe deo happo pòtidu! Sa Mama ‘e sa Funtana m’hat abbertu sos ojos e m’hat mandadu a tie: tue, ancora ‘irde i innozente, ses sa giae mia ‘e Mamuti”. “ E tue ses sa mia!” – l’haiat fattu lestru Bachiseddu, lendesi a manu tenta sa cuntentesa ‘e Tiu Portolu. “ Mamuti est inoghe, Bachisè! S’intràda est in su cantaru mazore, sutta sa lana ‘irde ‘e su laccheddu!”.

      I Cieli di Mamuti di Giannetto Cossu 1981: traduzione dal Sardo Bonorvese -Logudorese di Rubin – A. Sanna

      Funtana ‘Ona era un ricovero di ombra e acqua freschissima posta lungo i sentieri aridi della valle. Due lecci, una quercia e tre pietre, sotto una volta di foglie. Scolpita nella pietra nera, la fontana era poggiata in mezzo a un piccolo prato d’argilla dura, divisa in due da una canaletta che deviava l’acqua alla strada. Due fonti: quello minore per il bestiame e quello maggiore, alto fino ai fianchi, limpido e cristallino come lo specchio dell’anima. La vena sorgiva usciva ribollente da una ferita nella roccia, appena sotto il livello dell’acqua. La fontana sembrava esser cosa viva, e l’assetato se lo sentiva tutto quel qualcosa – che lo avvolgeva tutto quando si avvicinava a bere. Anzi lo stesso bere era una magìa divina e l’occhio, vedendo nell’acqua il volto conosciuto, scendeva più a fondo, sotto il limpido scuro, fino a scoperchiare gli ultimi tesori del cuore. Funtana ‘Ona: il riposo di chi non ha conosciuto riposo, l’acqua della dimenticanza per il travaglio di sempre. Nella pietra ai piedi del grande leccio i pensieri di tiu Portolu, meditati sulla punta delle labbra, tessuti entro i fili della bianca barba. Il suo viso, bruciato da mille soli, era il libro dei perché di Bachiseddu, che si smarriva nelle concave pieghe di mille domande. Lucido di fresi, tiu Portolu sembrava essere una sola cosa con la roccia della fontana. Il bastone dritto in mezzo ai piedi, reggeva entranbi le mani, appoggiate l’una sull’altra e nascoste dalla barba. Gambe scorticate, gomiti e ginocchia assieme, in un sedersi che era riposo e attesa, sembrava mosso che verga d’olivastro, che si tende improvvisamente. Per non infastidirlo, Bachiseddu si sedeva per terra, di fronte a lui, le gambe piegate, calcagno su calcagno, le ginocchia incassate nella piega delle braccia, le mani giunte e la testa da un lato, gli occhi rapiti dal vecchio e dalla Fontana. Tiu Portolu era tutto per Bachiseddu, pastorello orfano di padre e mamma, solo con dieci pecore, due capre e un cagnolino. Pronte e chiare, da quelle labbra sagge, le risposte del vecchio davano sapore ad ogni perché e a Bachiseddu gli piaceva credere che quelle parole erano dette da Tiu Portolu, apposta per lui, meditandole e scegliendole una per una. “E a cosa questi pochi attimi? Con lui vorrei starci per tutto il giorno. Stasera ritorno a Funtana ‘Ona!” Ma la pietra sotto il grande leccio era vuota quando venne sera. Il suono ribollente della Fontana sembrava imitasse il brontolio di Tiu Portolu. Il sole tramontava e questi prima di andar via, giocava con le nuvole accendendole di colore rosso e giallo. Gli uccelli salutavano la fonte con gli ultimi giri di volo. Bachiseddu rideva da solo, giocando nella sorgente maggiore e immergeva tutta la testa in quel piacere limpido e fresco. Tutt’ad un tratto il suo sorriso si mutò in meraviglia. Prostrato e a bocc’aperta, le braccia ripiegate tutte indietro, il corpo in avanti, il ragazzo seguiva – con gli occhi sgranati – ciò che stava vedendo. Dal fondo dell’acqua della fontana – dal sotto la lana verde della vasca – si erano sollevate tante lunittedas de prata. Queste si rincorrevano ad acchiapparsi e crescendo di numero e di grandezza, avevano iniziato a formare un mulinello che girava sempre più impetuoso, fin’a salire a pelo d’acqua; girando sempre più vorticosamente avevano formato un buco e – sollevando una certa quantità d’acqua – ne erano uscite, sollevandosi a volare in aria. Poi il brusìo si fece suono e ciò che sembrava vento si calmò, trasformandosi in una fascia di carne che – circondandolo – aveva fasciato il ragazzo, stordendolo e sollevandolo in volo. Dopo, il suono si era fatto musica e la fascia di carne una bella donna, grande, grassa e delicata, vestita di fiori e di sorrisi, gli occhi buoni e le carezze dolci di una mamma. Tutto era musica, luce e fiori in questo nulla che lo teneva in ansia. Bachiseddu si dondolava contento nelle braccia di un’estasi di piacere, chiudendo gli occhi per assaporare tutta quella pace mai conosciuta. La Fata baciandogli un orecchio gli diceva di nascosto: io sono Sa Mama ‘e sa Funtana, la Madre di questa e di tutte le acque, la Madre di tutto ciò che nasce e cresce, la Madre della vita e della felicità. Ti piacerebbe restare con me?”Bachiseddu, stirandosi in volo, aveva sciolto le parole, compiacendosi di dirle: “ Al mio posto t’ha risposto tutto il mio essere, perché non possono bastare le labbra a dare voce a tutto ciò che sento, a dar luce a questa pace divina!”. “ Lo so Bachisè, Bachisè! Ma io l’ho data a tutti questa pace e nessuno me l’ha accolta!”. “Non tel’hanno accolta? E perché” – si alza d’improvviso Bachiseddu. Ma come si fa a buttar via la vita, la salute, la gioia? Pazzi ! bisogna essere proprio matti, senza discernimento!”. E-i Sa Mama ‘e sa funtana, molto triste: “Pazzi, Bachisè, proprio pazzi! Io le ho dato le chiavi di Mamuti e “Essi” mi hanno chiuso le porte in faccia!”. “Essi”? E chi sono “Essi”? E Mamuti? Cos’è e dov’è Mamuti?”. E la fata con gli occhi rivolti a terra: “ “Essi” sono gli uomini. Tutti quelli che conosci e tutti gli altri, figli di cento mamme, di ogni tempo e luogo. Tutti!”. La voce era contornata di tristezza, ma le labbra si erano aperte ad un sorrisetto buono che preludiava all’altro perché. “E Mamuti?” – aveva chiesto disperatamente Bachiseddu. “Mamuti è il mondo delle fate; è un mondo di fratelli dove tutto è di tutti. Quelli di Mamuti nascono e diventano grandi in tutto il proprio essere. Ivi l’uomo e la donna sono uguali, il grande come il più piccolo, , il sano come il malato, il nero come il bianco. Lavorano tutti per il bene di tutti, poiché nessuno accumula e nessuno chiede. Qui non vi è pecunia né banche, né ricchi né poveri, né preti e soldati, né confini né prigioni, né chi comanda né chi serve. Ivi non ci sono false paci né guerre, come avviene qui! Questo Bachisè, è il mondo che tutti vedono in sogno; è il mondo che tutti desiderano, è quel niente e quel tutto che sembra non venga bene a realizzarsi, Prendi! Queste son le chiavi! Le vuoi?”. E senza che aspettasse la risposta si dissolse nell’aria in una nuvola di pensieri e di problemi da risolvere. Bachiseddu si era trovato di nuovo nel prato di Funtana ‘Ona solo e seduto per terra, di fronte alla pietra sotto il grande Leccio. Quanti perché, quanti pensieri in un cervello da nulla. A testa bassa, soppesando le chiavi della fata, stava cercando di dare un ordine a quel vespaio di pensieri. “ E adesso cosa faccio? E dov’è questo Mamuti? Ma cosa ci farei io, se nessuno c’è voluto andare? Un mondo di fratelli, senza guerra né denaro! Una chiave per cambiare vita! Chissà quanti la vorrebbero e non ce l’hanno? Chissà cosa direbbe Tiu Portolu? Chissà se pure lui ha visto Sa Mama ‘e sa Funtana? Lui che è sempre qui, seduto nella pietra del grande Leccio?! Chissà se ce le ha anche lui le chiavi di Mamuti? Assieme a lui già vorrei andarci a Mamuti!”E, preso da questi pensieri, non si era accorto che Tiu Portolu – seduto sopra la pietra del grande Leccio – gli stava dando la mano. Dammi la mano, Bachisè, che ci andiamo insieme a Mamuti! Ottant’anni ti ho atteso, seduto su questa pietra. Io non potevo rivelarti nulla, perché la scelta dovevi farla tu. Eh, se sapessero i giovani! E tu adesso sai. Io ci ho messo ottant’anni, masticando perché troppo grandi. Eh, se potessero i vecchi! Oggi io ho potuto! Sa Mama ‘e sa Funtana mi ha aperto gli occhi e mi ha inviato a te: tu, ancora verde e innocente, sei la mia chiave di Mamuti”. “ E tu sei la mia!” – fece lesto Bachiseddu, prendendo mano nella mano la felicità di Tiu Portolu. “ Mamuti è qui, Bachisè! L’ entrata è nella sorgente maggiore, sotto la lana verde della vasca!”.
      di ©Giannetto Cossu – traduzione italiana di Andrea Sanna

      Da Sos Chelos de Mamuti, ne è passato di tempo – Premio Città di Ozieri 1981- che Giannetto mi regalò (in copia originale dattiloscritta e che ancora conservo) lo stesso giorno dal ritorno da Ozieri, io ero poco più che adolescente, eppure consapevole del valore incommensurabile, nascosto eppure evidente nel mito, che si annidava dietro le pieghe dello scritto. Ne feci tesoro, ne fui orgoglioso eppure sapevo che l’incantesimo di Funtana Ona non sarebbe durato a lungo, anzi, ma poco importa, penso che il Tempo avrà ragione di ogni illusione Plutocratica
      Andrea Sanna Rubin©2002-2004/06/Messaggero Sardo

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: